Home Pe. Luiz Carlos - Liturgia 3 _ 2010 _ Tempo Ordinario _ Anno C Omelia Diciottesima Domenica Tempo Ordinario - Anno C - 1.8.2010
Omelia Diciottesima Domenica Tempo Ordinario - Anno C - 1.8.2010
 
La vita dell'uomo non consiste
nell'abbondanza dei beni
 

n. 940
Omelia 18^ domenica Tempo Ordinario
1.8.2010
p. Luiz Carlos de Oliveira
Redentorista

I ricchi davanti a Dio

Costruendo depositi

 Gesù istruiva i suoi discepoli a partire dalle situazioni concrete  che incontravano. Un uomo gli chiese: “Maestro dì a mio fratello che divida con me l’eredità” (Lc 12,13). La questione dell’eredità è sempre fonte di molte difficoltà e di inimicizie nelle famiglie. Mentre non si vedono mai i figli lottare per dividersi la preziosa eredità che i genitori lasciano con la testimonianza della vita e l'insegnamento. Gesù allora ha ragione nel dire: “La vita dell’uomo non consiste nell’abbondanza dei beni” (15). Gesù , che è la pienezza della vita, ed è ricco di misericordia, insiste sul pericolo non dei beni, ma  dell’avidità. Insegna l’equilibrio della vita tra i beni materiali e il vero valore della vita. Egli  fa discorsi molto chiari circa la ricchezza e la povertà: “ Beati i poveri in Spirito, perché di essi è il Regno dei Cieli” (Lc 6,10). Dice anche che difficilmente un ricco entrerà nel Regno di Dio (Lc 18,24). Luca mette lo stesso pensiero sulle labbra di Maria: “Ha ricolmato di beni gli affamati ha rimandato i ricchi a mani vuote” (Lc 1,53). Gesù non condanna la ricchezza ma l’uso che si fa di essa con avidità  e assolutizzando i beni materiali. Il denaro è innocente, noi non lo siamo tanto. Gesù racconta la parabola dell’uomo  che aveva avuto un buon raccolto e decise di aumentare i suoi magazzini. Fino a quel momento andò tutto bene. Dopo disse a se stesso: “Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; ripòsati, mangia, bevi e divèrtiti!”. La vita però riserva molte sorprese: “Dio gli disse: stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?”. (19-21). Egli si dimenticò che il senso di tutti i beni: è essere ricco per Dio: L’avidità che vuole sempre di più non conduce all’insegnamento di Gesù  che ci vuole felici. E’ necessario allora amministrare bene la nostra vita.

 

Cose dall’alto

 Il Signore vuole che abbiamo la vita rivolta ai beni che durano per la vita eterna. Non significa disprezzare i beni terreni, ma accaparrarsi con essi i beni eterni. Tutto passa come un sogno perchè siamo polvere (Sl. 89). Gesù dice: “Dove starà il vostro tesoro, lì starà anche il vostro cuore”. Per questo Paolo ci stimola: "Se siete risuscitati con Cristo, sforzatevi di realizzare le cose di lassù... aspirate alle cose  celesti e non a quelle terrestri.”Possiamo fare una relazione tra ricchezza e morte e tra povertà e beni celesti. La vita dei risorti include il superamento dei vizi che sono frutto delle ricchezze male amministrate: “Fate morire ciò che appartiene alla terra: immoralità, impurità, passioni, i cattivi desideri e la cupidigia” (Col 3,5). Questo vuol dire “rivestirsi dell’uomo nuovo che si rinnova secondo l’immagine del suo Creatore” (9). Questo è essere ricco davanti a Dio.

 

Il Signore è un rifugio

 La liturgia è un momento di preghiera in cui cerchiamo luce e grazie spirituali per vivere ciò che ci è stato insegnato. Sappiamo che siamo polvere, che “i nostri giorni passano come un sogno al mattino” e che la nostra vita è come un fiore del campo che secca facilmente, il salmo 89 ci porta a pregare: “Insegnaci a contare i nostri giorni  e giungeremo alla sapienza del cuore”. Dio ci aiuta con la sua grazia  cercando di vivere bene sia che siamo nella fragilità  sia che siamo nella ricchezza, per questo preghiamo:  “Saziaci fin dal mattino con il tuo amore, ed esulteremo per tutto il giorno. Che la bontà del Signore riposi su di noi e ci accompagni. Rendi fecondo, Signore, il nostro lavoro”. Non siate matti, ma benedetti!

Letture: Qoelet 1,2; 2,21-23; Salmo 89; Col. 3,1-5.9-11; Vangelo: Luca 12, 13-21

 

 

 
 
© Copyright 2014/2015 - EssereCristiani.com - Tutti i diritti riservati
Realizzazione CMS

Banner
Musica di sottofondo estratta da "Deus Caritas Est" Composta e Prodotta da Roberto Bonaventura »
Creazione Siti Web - Realizzazione Siti Web Roma