Lo Spirito trasforma


 

 

nº 1131
Articolo
Pe. Luiz Carlos de Oliveira
Redentorista

“Lo Spirito che ci trasforma

 Egli ci invierà un’altro Consolatore

 

Dal Vangelo sappiamo quanto Gesù vivesse immerso nello Spirito Santo. Luca dice che Egli era mosso dallo Spirito (Lc 4,1). La sua attività era impregnata da Lui. Gesù non solo ci ha trasmesso quello che il Padre gli ha insegnato (gv. 8,28), ma anche lo Spirito che ha ricevuto sempre dal Padre. Per questo dirà: “Ricevete lo Spirito Santo” (Gv 20,22).  Gesù è il modello di tutte le virtù, e lo è anche della Sua relazione con lo Spirito che Lo guida. Gesù è obbediente alle mozioni dello Spirito. Ultimament si registra una crescita molto grande nella relezione con lo Spirito Santo. La Chiesa Orientale è stata sempre molto feconda in questo senso. E tuttavia non possiamo considerarlo come un santo in più in nostro favore, o peggio ancora, a nostro servizio. Egli è il Dono che  non è semplicemente il dispensatore di doni e miracoli. Come Dono, realizza la Vita divina in noi. La sua missione primaria è trasformarci affinchè Dio sia sempre più nostra vita e ci rivesta di Cristo  affinchè possiamo essere veramente figli di Dio (Gv 3,1). Lo Spirito realizza in noi la conformazione a Cristo. Come ha formato Gesù nel seno di Maria, così forma anche noi per essere immagine di Cristo, come scrive Paolo ai Romani: “ci ha predestinati a essere conformi all’immagine del Figlio suo” (Rm 8,29). Gesù ci ha redenti con il suo sangue. Lo Spirito attua questa redenzione in noi al punto tale che siamo purificati, dall’acqua del Battesimo e fortificati dai sacramenti. Lo Spirito dà a ognuno i doni necessari per la Vita in Dio, come anche i doni per il servizio della comunità. Come Cristo si pose a servizio, lo siamo anche noi. L’amore ci fu concesso non come un sentimento, ma come partecipazione al modo di amare di Cristo e cioè fino al punto di dare la vita. Conosciamo coloro che si dedicano a Dio nel servizio ai fratelli, arrivano anche a dare la vita se necessario. Lo Spirito è la forza che ci muove in questo servizio. Il più grande è colui che serve (lc 22,26). Nel lavare i piedi dei discepoli nella sera della Cena, Gesù ha mostrato che l’opera della redenzione è un servizio. Servizio è dono dello Spirito dato a tutti. Siamo trasformati in servitori. Chi non serve, non serve a niente!

 

Vieni, Spirito Santo

Impariamo a pregare implorando che lo Spirito sia con noi: “Vieni Spirito Santo, riempi i cuori dei tuoi fedeli, infondi in essi il fuoco del tuo amore, e la faccia della terra sarà rinnovata”. È la testimonianza di fede nello Spirito Santo. I sacerdoti nella celebrazione dei sacramenti, il vescovo nelle ordinazioni sacerdotali e crismali, usa sempre il gesto di imporre le mani come invocazione dello Spirito Santo. Egli si fa presente per realizzare i sacramenti. Nell’Eucaristia, invochiamo che trasformi il pane e il vino nel corpo e sangue di Cristo. Lo stesso Spirito trasforma i fedeli in Corpo di Cristo. Invochiamo dunque  lo Spirito Santo affinchè continui la sua azione trasformatrice

 

Vedendo lo Spirito Santo

 

Lo Spirito è presente “è come il vento che soffia dove vuoole. Sentiamo il suo rumore, ma non sappiamo da dove viene ne dove va” (Gv 3,8).. non possiamo controllare l’azione dello Spirito, ma possiamo identificarLo nelle sue innumerevoli attività. La sapienza che lo Spirito ci dà conferisce la capacità di vedere la sua azione in noi e nel mondo. Guai a coloro che non hanno un cuore aperto per accoglierlo e vederlo presente. Il grande miracolo è lasciare agire lo Spirito e seguire la sua ispirazione. La chiusura è il peccato contro lo Spirito Santo.

 


 
© Copyright 2023/2024 - EssereCristiani.com - Tutti i diritti riservati
Realizzazione CMS

Banner